…scorro le dita fra i tuoi capelli, incerto come il vento di questa piccola notte.
Richiudo il lenzuolo sulle spalle e guardo i tuoi colori. Come una sera che non c’era, un nome che non chiamerò, un abbraccio che non conosco, come un’altra volta ancora, come una boccata di fumo in gola, come vento dietro la collina, come correre verso il mare, come una voce sconosciuta, come una corsa di una corriera blu verso l’orizzonte, come un aquilone sul tetto della casa dei nonni, come uva rubata al contadino, come un gioco segnato a terra con il gesso, come questa mano che ti sfiora i fianchi, come queste stesse mie dita che non riescono a fermarsi, così ti vedo. Come quando ti stringo forte. Immaginarti non mi basta…

Annunci

Informazioni su lelemastroleo

...salentino e poco altro...
Digressione | Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...