…capolinea…

…ero al capolinea della notte, misi in testa il cappello, chiusi il giaccone sulla camicia e scesi dall’autobus proprio sotto casa mia. scaldai con il fiato le mani congelate e bussai alla porta.
Venni ad aprirmi e mi guardai dalla testa ai piedi quasi senza riconoscermi, senza un saluto.
“Entra che è tardi” mi dissi e chiusi dolcemente la porta dietro di me per non svegliarmi.
“È da troppo tempo che non vieni a trovarmi” mi chiesi e non osai rispondermi. Mi sedetti sulla poltrona di fronte al camino acceso e mi tolsi le scarpe. Poi mi alzai di scatto e mi versai da bere.
“Hai sempre del vino buono” confessai e per ringraziarmi mi accarezzai la testa.
Passò un minuto, durante il quale non sentivo più il cuore dentro il petto, poi riuscì finalmente a dire: “Io ti amo” per poi lasciarmi andare, una volta ancora, sulla poltrona.
“Ho chiesto da dormire ad un sorriso, questa notte” continuai, ma senza più bisogno di aggiungere parole…

Annunci

Informazioni su lelemastroleo

...salentino e poco altro...
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...