…la colpa è nostra. La colpa è circoscrivibile alla mia generazione, a quella generazione figlia della rivoluzione culturale, che ha subito un cambiamento, piuttosto che viverlo in prima persona. Un cambiamento voluto e fatto dai nostri genitori che si erano resi, almeno loro, protagonisti della loro crescita culturale, partorendo però, una generazione di figli pasciuti e già semiricchi, simili a semidei,dei borghesi di rimbalzo.Borghesi senza averne la “caratterialità” e le peculiarità storiche,benestanti senza fare sacrifici,ricchi di ricchezze già sommate e spese. Noi che avevamo ereditato il compito di accrescere quella rivoluzione,nata tra le masse più o meno coese del proletariato, che voleva lasciare una propria rintracciabilità,una visibilità,una rappresentatività nel “decidere pubblico”,dentro la torre di controllo, dentro le istituzioni. Noi, dicevamo, che questo compito siamo riusciti a mettere in un angolo, convinti di poter avere tutto il potere, di poterlo avere in qualsiasi momento ed in qualsiasi modo, di poter riuscire a controllare le nostre risorse e le materie prime dell’universo, credendole inesauribili, se non addirittura, infinite. Abbiamo ,cioè, commesso l’errore “etnocentrico” del sentirci onnipotenti ed eterni, mangiandoci, nel giro degli ultimi vent’anni, la ricchezza del pianeta Terra in maniera trenta volte maggiore di quanto avessero fatto i nostri antenati nei due millenni precedenti. La colpa, ovviamente, è solo nostra, che abbiamo passato il nostro presente consumandolo dietro la chimera di una carriera “a tutti i costi”, nel cercare di essere i primi della classe, di essere i migliori fra gli addetti alla produzione, di essere i numero uno delle multinazionali finanziarie che prestano il nulla,tramite fondi e crediti, in cambio di miliardi di euro sonanti, di essere quei “mammasantissima” della finanza internazionale che mettono bocca su qualunque decisione di qualsiasi capo di stato del primo,del secondo o del terzo mondo. La colpa è anche la mia e non c’è nessuna poesia che possa lavarmi da questi peccati.(stamattina ho portato i miei figli a vedere la brina nei campi,magari non servirà a nulla,ma è impagabile la meraviglia nei loro occhi di fronte a quello spettacolo della natura)…

Annunci

Informazioni su lelemastroleo

...salentino e poco altro...
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...