…come si chiama quel dolce di pastafrolla che ho mangiato a Lecce?…

Per chi come me è al ventesimo anno di lavoro con una multinazionale di trasporti il minimo che possa capitargli e di svegliarsi, per decine di volte l’anno in un letto d’albergo a centinaia e centinaia di chilometri da casa; ed il minimo che possa capitargli, se è una persona che ama fare colazione in maniera tradizionale cioè con un sano caffè espresso, magari macinato sul momento e servito bollente, e una calda, simpatica, genuina brioche, è quello di imparare a fermarsi negli alberghi che associano una buona ristorazione al culto di una santa e ricca colazione.

La conseguenza del girovagare in lungo ed in largo per la penisola è quella di acquisire una conoscenza diretta dei posti ideali nei quali trovare al mattino la brioche più adatta alle vostre pretese ed ai vostri desideri. Perché diciamocelo pure, noi italiani siamo il popolo più variegato e diversificato nel momento della scelta della brioche, del dolcetto, della pastarella per completare il rito mattutino della colazione. Quanti di voi potrebbero in questo momento menzionarmi a memoria almeno venti tipi di brioches che hanno nel corso della loro vita assaggiato prima di arrivare alla scelta definitiva, alla scelta assoluta, quella che esclude immediatamente tutte le altre scelte. Cornetto maritozzo, babà, sfogliatella, pinza, brioche, pesca, codadaragosta e via discorrendo sino a farne un elenco chilometrico che sfiancherebbe anche il più stakanovista dei catalogatori. Però,dicevamo, a un certo punto della vostra vita, ognuno di noi sceglie, decide di darsi un’unica compagna di vita “lei”. Eccola lì, c’è la mia PASTA preferita! E vi si illumina la giornata, vanno via le nubi, vi si accendono tutti le idee da secoli sopite e il lavoro diventa l’ultimo dei vostri pensieri in un solo momento.

Cosa vi porto stamattina dottò? “, per i ragazzi del bancone del bar tutti sono “dottò “. E voi pensate che sia bello trovare un uso univoco, una consuetudine comune in tutto lo stivale, una frase che unisce idealmente il Nord ed il Sud di questo meraviglioso paese, ma poi venite a sapere che il ragazzo che fa i caffè al bar è meridionale e che anche il ragazzo del bar dell’albergo in cui siete sceso ieri era meridionale, e ancora il cameriere dell’albergo di Treviso era meridionale ed anche quello di Ferrara e così via per tutta la penisola; e quell’idea meravigliosa che l’Italia fosse almeno unica nei banconi dei bar viene a cadere e si fa strada il pensiero che i baristi degli alberghi di tutta la nostra amata nazione siano tutti figli di un unico genitore, che per diritto acquisito, possano essere sistemati dietro il bancone di ogni albergo di ogni città.

Ma torniamo al molteplice universo delle brioches da colazione e vediamo in maniera veloce di catalogare alcuni tipi di dolcetto mattutino.Per poter decidere quale possa essere,in base ad alcuni vostri criteri,il vostro dolce per eccellenza,quello che avete scelto,quello con il quale condividerete le vostre prossime colazioni:

1) La brioche milanese

La brioche milanese è milanese non solo nel nome, la brioche milanese è milanese anche nella sua essenza, nell’intimo,nel suo spirito. La pastarella meneghina ha una forma tonda, precisa, schematica, con un unico vezzo concesso all’estetica; dei granelli di zucchero spolverati sopra. Appena si stacca il dischetto di pasta lievitata dalla sua base tondeggiante sembra che il profumo intenso (burro fuso) possa essere la vera anticamera di paradiso gustativo, invece al morso rimane esile, effimera, papposetta, oseremo dire: loffia. Il gusto predominante rimane quello della farina di manitoba che i milanesi aggiungono alle loro farine per dare più carattere al dolce, l’effetto è quello opposto: diventa un ibrido angosciante senza cuore e senza sapore. Eppoi la maggior parte delle volte è surgelata e poi riscaldata al microonde. BOCCIATA.

2) La pinza emiliana

La pinza emiliana è un calderone di materie e di rimandi che se fosse un proclama politico troverebbe sicuramente un vostro appoggio incondizionato per una società multirazziale, ma trattandosi del dolce per un vostro sacro risveglio, rimane un vero e proprio guazzabuglio senza costrutto. Basti pensare che la ricetta originale prevede solo per il ripieno: 1/2 kg di mostarda di cotogne, 1 hg di pinoli, 400 gr. di uvetta, 50 gr. scarsi di cioccolato in polvere dolce misto a cacao amaro, cedro candito finemente tritato (quantita’ a piacere), vino bianco dolce (la quantita’ e’ variabile), “rusco”, a piacere (miscela finemente tritata di cannella chiodi di garofano e anicini per la maggior parte). Non aggiungerei altro. BOCCIATA.

3) Il maritozzo romano

Il maritozzo come dolce non esiste. Il maritozzo è solo una palata di pane al burro non riuscita alla quale qualche fornaio buontempone ha aggiunto una quantità industriale di panna e zucchero a velo, e siccome ancora, non riusciva a rifirarlo a nessuno, ci ha aggiunto delle bacche di vaniglia per addolcirlo ulteriormente sino a fargli avere il patentino di terrorista colesterolico. Poi aggiungerete, come si fa a concepire un dolce con il quale appena fatto colazione dovete tornare immediatamente a casa a cambiarvi camicia e pantaloni: anche perchè la panna, è logica matematica, che in un panino senza forma, né idea, non riesce a stare ferma e schizza violentemente e senza riguardi sul povero mentecatto che ha avuto il coraggio di assaggiarlo.BOCCIATO.

4) La sfogliatella napoletana

La sfogliatella napoletana è un baluardo. Una difesa storica. È il posto castrumdei dolci. La sfogliatella napoletana è rassicurante. È arte culinaria prestata ai dolci. È l’emblema della napoletaneità. Il suo essere ispida e ruvida ma comunque soffice e tenera all’esterno ed invece completamente molle e cremosa all’interno è l’icona rappresentativa della città di Napoli, dei suoi vicoli, dei suoi quartieri. Però ha un grosso difetto: non si può accompagnare al caffè. La sfogliatella è mamma di sapori e di profumi, è incinta di burro e crema, è scivolosa di mammella lievitata, il caffè l’ammazza, la distrugge, l’annienta, la rende inutile. La rende arida, anche perchè non riesce ad assorbirne il respiro, il tatto, non riesce a riconoscerne il gusto.Vi dispiacerà molto per la sfogliatella, però: BOCCIATA

5) Il pasticciotto leccese

Il dolce leccese inventato per puro caso dal buon Ascalone da Galatina alla fine del XVIII secolo,ha il pregio intellettuale di associare nella costruzione di sè due elementi sacri della cucina “povera”: la crema pasticcera e la pasta frolla. La forma, volontariamente non omogenea del pasticciotto, simile ad un “tondoovale”, lo rende dolce unico e inimitabile nel suo genere. La gustazione iniziale, che avviene con lo staccare irregolarmente uno degli spuntoni laterali del dolcetto portandolo a sfiorare il palato prima del morsettino degli incisivi per saggiare la consistenza della pastafrolla e la successiva penetrazione linguea per gustarne la bollente densità della crema pasticcera, riescono a coinvolgere i cinque sensi completamente. I morsi successivi (per favore non usate nessun tipo di coltello) servono poi a suggellare definitivamente la eccellente compenetrazione tra i profumi di burro e uova e zucchero semolato della farcitura di crema con l’avvolgente involucro friabile della pasta frolla. La presenza del caffè a questo punto diventa necessità, essenzialità, soprattutto se il caffè è bollente. Diventa corroborante. Da non sottovalutare, alla fine, la ricerca nel tovagliolo di quei pezzetti di pastafrolla che si sono staccati durante la consumazione del pasticciotto, autentici pezzi di tesoro, di richiami, di riecheggianti e riappropriati sapori, quasi come mangiarne una seconda volta, ma con l’apporto calorico di uno solo.

Cosa aggiungere? Sembra che il pasticciotto leccese sia stato il dolce preferito da Frank Sinatra a cui fu fatto assaggiare, da una coppia di amici del crooneritaloamericano, di ritorno da una vacanza nel Salento. A questo punto non vi rimane che prender in mano la penna a modo di microfono ed iniziare ad intonare “I’ve lived a life that’s full, I’ve traveled each and ev’ry highway.But more, much more than this. I EAT it in my way“; PROMOSSO.

Annunci

Informazioni su lelemastroleo

...salentino e poco altro...
Questa voce è stata pubblicata in divertissement, lele mastroleo, pasticceria, Salento e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...