…spingo le braccia ancora…

…spingo le braccia ancora in alto,sino a riuscire toccare il cielo,                                 e con la punta delle dita sfioro tutti i miei dubbi e le debolezze,                                   e finalmente posso dare una carezza ai miei racconti…

quelli abbandonati sulla via del ritorno,                                                               quelli senza fine e senza principio.                                                                        quelli rassettati con una biro consumata,in bianco e nero.                                      come vecchi sceneggiati.                                                                                      come fumose comparse mute.

quelli appoggiati sulle panchine dei giardinetti di scalzi pomeriggi.                            sui cartelli dei gelati nei bar,sulle tovaglie di carta dei tavolini.                             quelli mandati in orbita soffiando alito caldo sulle punte.                                            quelli mangiucchiati per sentire il sapore tronfio dell’inchiostro.                              tutte quelle parole trascritte male e copiate peggio…

 e quelle righe dritte di accenti e apostrofi strani,                                                     che cercano al mattino di scappare dietro la copertina,                                           quella fila assoluta e disarmante di pensieri assonanti,                                             che fanno palleggiare gli occhi sui pieni e sui vuoti.

quelle vocali sempre uguali alle stesse congiunzioni,                                                    e a tutte le congiunzioni che non ti somiglieranno mai,                                       quelle forme ovali e secche nelle sensazioni della mano,                                           quel girare intorno al rigo per metterci un punto,che non serve.

 …spingo le braccia ancora più in alto.sino a sentire la terrarossa.                               e con la punta delle dita sfioro quello che scrivo,                                                        e di nuovo strappo tutti i miei racconti.                                                                   per quella voglia di pensarti diverso.                                                                          di doverlo fare per non morire…

Annunci

Informazioni su lelemastroleo

...salentino e poco altro...
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...